High Tempo Testing

high tempo testing

Quando parliamo di Growth Hacking non ci riferimo ad UNA strategia di crescita ma ad una costante ricerca di strategie che possano aiutare a far crescere un business. Questa ricerca si fa sostanzialmente effettuando differenti test, dall’utilizzo di nuovi canali piuttosto alla ricerca di nuovi hack che possano aumentare l’engagement, e valutandone i risultati.

Maggiori saranno i test che effettuerai e maggiore sarà la crescita del tuo business, ed è proprio questo il concetto che sta alla base non solo dell’high tempo testing e, più in generale, di un Growth Hacker.

Nel 2014 Sean Ellis, durante L’Agile Marketing Meetup, mostrò l’effetto che ebbe in Twitter l’arrivo di Satya Patel e la sua strategia di passare da una media di 0.5 test a settimana a 10 test a settimana in un periodo prolungato. Questi i risultati…

Crescita twitter con high tempo testing

 

Sempre durante questa conferenza, Ellis individuò sostanzialmente du tipologie di Test che si possono effettuare:

  • Test per scoprire (ping): Serve per scoprire nuovi canali, utenti interessati al tuo prodotto o provare nuovi hack
  • Test per ottimizzare (A/B): Serve ad ottimizzare forza ed efficacia di un messaggio, o di una presentazione, verso un’audience specifica e in differenti canali.

Processo di crescita con High Tempo Testing

Il processo di crescita attraverso High Tempo Testing non è semplice, ma sicuramente è molto efficace e ti permetterà di sviluppare nuovi hack per far crescere la tua impresa. Vediamo come.

Il processo di HTT è diviso in 4 fasi, vediamo quali sono e che azioni comportano.

high tempo test processo

 

#1 Brainstorming

La prima fase consiste nel cercare idee da testare. Ogni test è un’ipotesi secondo la quale “Se facciamo X accadrà Y”. Ad esempio, “Se spostiamo il bottone iscriviti alla nostra Newsletter nella parte superiore della pagina le iscirizioni aumenteranno”. Generalmente in questa prima fase la figura chiave è il Growth Master, o come lo ha definito Sean Ellis il Product Manager of Growth. Tuttavia lo stesso Ellis ha consigliato che in questa prima fase partecipino più persone possibile di modo che ci siano più punti di vista differenti e, dunque, aumentino le idee.

Altro consiglio lasciato da Ellis è quello di cercare idee che riguardino tutto il processo di crescita. In altri termini considerare ogni passaggio delle Pirates Metrics.

Maggiori saranno i test che effettuerai e maggiore sarà la crescita del tuo business Condividi il Tweet

 

#2 Scegliere le idee migliori

Dopo aver fatto brainstorming, molto probabilmente, vi troverete con moltissime idee e alcune di queste saranno migliori di altre. La seconda fase consiste dunque nel filtrare e selezionare le migliori idee. Per selezionare quali idee sviluppare ogni idea viene valutata in base a 3 dimensioni:

  • Impatto: Che cambiamenti ti aspetti che possa apportare il cambiamento e come “misurare” questi cambiamenti.
  • Fiducia: Quanto sei fiducioso in merito al fatto che l’idea apporti effetivamente un cambiamento.
  • Facilità: Quanto è facile, o difficile, sviluppare il primo test.

Ad ogni idea deve essere dato un punteggio da 0 a 10 e le idee che otterranno il miglio punteggio saranno quelle che dovranno essere sviluppate.

Per quanto questo metodo vi aiuterà a filtrare le idee, non vi darà la sicurezza al 100% che quelle scelte siano le idee migliori ed è per questo motivo che si devono effettuare molti test per un lungo periodo (High Tempo Testing…appunto). Lo stesso Sean Ellis ha dichiarato che alcune delle idee che avevano totalizzato un punteggio di 4 su 10 hanno poi avuto un impatto del 700%.

#3 Lancio del test

Immaginativi di aver lanciato 2 test nella stessa settimana, avete tutti gli strumenti necessari per misurare i cambiamenti apportati da uno e quelli apportati dall’altro ma non sapete quale dei due ha avuto un impatto maggiore e in che percentuale. Il problema sussite, è innegabile, però si può limitare semplicemente con una buona programmazione facendo in modo che due test simili non vadano a sovrapporsi impedendovi così di capire la percentuale di impatto di un test

#4 Raccogliere dati

La fase finale consiste nella raccolta dei dati provenienti dai test. Ciò vi consentirà di creare una base di informazioni molto importante che vi darà la visione di ciò che funziona e ciò che non funziona. Questa fase è tanto importante quanto delicata, avere nel proprio team una persona specializzata che sappia leggere questi dati è molto importante.

Come il sito Growthhackers.com è cresciuto grazie all’High tempo testing

Per avere un’idea più concreta di come l’High Tempo Testing possa aiutarvi nel far crescere il vostro business vi invitiamo a leggere questo articolo dove il team di Growthhackers.com spiega come grazie ad all’High tempo testing sono riusciti a crescere da 90.000 a 152.000 MAU (Monthly Active Users) in 11 settimane e senza e un investimento economico eccessivo. Buona lettura 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.